Siete in:

 

Il sistema di protezione civile

Nella maggioranza dei Paesi europei, la protezione civile è un compito assegnato ad una sola istituzione o a poche strutture pubbliche. In Italia, invece, è coinvolta in questa funzione tutta l'organizzazione dello Stato, centrale  e  periferica, l’intero sistema degli Enti Locali ed anche la società civile partecipa a pieno titolo al Servizio nazionale della protezione civile, anche attraverso le organizzazioni di volontariato. Le attività svolte dal Sistema di protezione civile sono definite dalla legge 225/92  come "quell’insieme delle attività di previsione e prevenzione delle varie ipotesi di rischio, presenti sul territorio, e di gestione di potenziali situazioni di emergenza anche attraverso l’elaborazione di procedure d’intervento previste nella pianificazione territoriale e di emergenza. Tutto ciò organizzato con leggi di settore e procedure definite, capace di contrastare l'impatto sulla comunità (popolazione, beni, servizi e ambiente) di qualsiasi evento e/o emergenza (sia di origine naturale sia causata dall'uomo), attraverso lo studio, l'addestramento, la preparazione, la correlazione, la cooperazione e l'applicazione coordinata di tutte le risorse umane e tecnologiche disponibili". E’ il caso di ricordare che fra le  attività di protezione civile, oltre a quelle, per così dire tradizionali, sono da qualche anno comprese quelle relative all’organizzazione e gestione dei cosiddetti grandi eventi (articoli 5 e 5 bis della Legge 401/01)

Approfondimenti:

  • Cosa e' la Protezione Civile
  • Le componenti del sistema
  • La Protezione Civile nel mondo


  • Vedi anche:
  • Chi siamo
  • Normativa
  • Volontariato
  • Terremoti
  • Incendi boschivi
  • Rischio antropico
  • Rischio sanitario
  • Rischio idrogeologico
  • La rete meteo-idro-pluviometrica
  • Studi e Pubblicazioni
  • Area riservata
  • SMS
  • Provvedimenti - atti
  • Interventi straordinari e di emergenza (art.42 D.Lgs 33/2013)